WMV



Prevenzione dall'adesione e dal rilascio di
prodotti di carbonizzazione nelle viti per
presse ad iniezione e per estrusione

 


Possibili miglioramenti mediante rivestimento Lunac 1 delle viti di estrusione e dei relativi puntali



Gli effetti di un rivestimento antiaderente in Lunac 1 spesso 40µm su viti per iniezione ed estrusione sono estremamente interessanti. La caratteristica di eliminare i punti carboniosi (come visibile dalla relativa figura nella pagina sul rivestimento Lunac 1), specialmente con polimeri a natura polare (come PET e PC) è tuttora ineguagliata. Inoltre, il rivestimento Lunac 1, esente da microfratture e resistente a corrosione, è uno dei pochi in grado di sopportare l'azione di polimeri corrosivi come ABS, PVC ed anche la maggioranza dei fluoro-polimeri come il PFA. Per questo motivo è possibile continuare ad impiegare acciai ad alta resistenza e non inossidabili. A questo si associa inoltre la proprietà di anti aderenza a lunga durata con
il conseguente miglioramento della qualità del flusso polimerico. Lunac 1 riduce sensibilmente il fenomeno della degradazione polimerica e pressoché in ogni caso facilita di molto la pulizia delle viti. Tali effetti sono stati riscontrati all'incirca nell'85% dei casi sperimentati. Vi sono comunque alcuni importanti punti da considerare affinché una vite possa essere rivestita con successo. Controllate prima il nostro report sull'applicazione del rivestimento Lunac nelle macchine per processo materiali plastici o prendete contatto con il nostro staff tecnico. Le esperienze che WMV ha raccolto in oltre dieci anni di applicazioni in tale settore sono catalogate in un nostro report sui casi di anti adesione e resistenza a corrosione dei rivestimenti Lunac.











Differenti parti di viti rivestite in Lunac 1. Il rivestimento in Lunac 1 spesso 45-60 µm
è messo a confronto con la cromatura dura ed è capace in modo eccellente di
rivestire anche strutture profonde. Ne derivano resistenza a corrosione
e proprietà antiaderenti eccezionalmente durature.

 

 

 

 





Prevenzione delle puntinature carboniose:



Sebbene una misura importante per ridurre la formazione di puntinature nere in apparecchiature di processo di materiali plastici sia quella di tendere ad un riempimento della camera di estrusione per una media del 50%, scendendo fino al 20% se il materiale non è troppo sensibile al calore (PE) o salendo all'80% nel caso in cui il materiale sia al contrario molto sensibile al calore (CPVC), i rivestimenti Lunac aggiungono a ciò due effetti principali:

  • La proprietà antiaderente del Lunac riduce significativamente il tempo di resistenza del polimero nelle zone di parete.
  • La natura inerte, esente da microfratture e assente in Ferro, inibisce fortemente la decomposizione chimica dei polimeri tecnologici a natura polare. Questa può essere la ragione predominante per la formazione di puntinature carboniose nelle macchine di processo polimeri.





    Le viti rivestite in Lunac hanno grandi prestazioni
    fintanto che due prevalenti aspetti siano stati rispettati:


  • Le creste delle viti necessitano una sostituzione del riporto in stellite 12 e la vite non
    deve essere stata in precedenza nitrurata.
  • Prima della fermata, i cilindri devono essere spurgati con poliolefine o similari quando
    siano state in precedenza estruse plastiche non poliolefiniche. Prima della partenza i
    cilindri devono essere stati adeguatamente preriscaldati.